Tra Lord Byron e Leonardo Da Vinci, c’è Terni attraverso i miei occhi.

Il Mantello di Lord Byron (Foto di festadelleacquepiediluco.it)
Il Mantello di Lord Byron (Foto di festadelleacquepiediluco.it)

Qualcuno ha detto: “Un’immagine dice più di mille parole”…

Personalmente, io ritengo “la parola” uno splendido strumento, tramite il quale, ci si può avvicinare talmente tanto alla realtà che, a volte, si riesce anche a superarla.

D’altra parte è innegabile che quadri e fotografie possono cogliere l’essenza profonda di luoghi o persone, ovviamente, se fatte da artisti di palese bravura.

Praticamente, rimanendo a “casa nostra”, è un po’ una contesa tra Lord Byron e Leonardo Da Vinci, che a Terni hanno trovato notoriamente ispirazione.

Io che, evidentemente, adoro scrivere, spesso mi perdo per ore tra le parole, per tentare di trasmettere e descrivere emozioni, concetti ed immagini che vivo.

Terni, forse, potrei descriverla con queste poche parole: provinciale e migliorabile, ma anche luminosa, aperta e tenace; infine potrei aggiungere inconsapevole e semplice…


regalo per te

Si, perchè la Terni che vedo io è “provinciale“, nel senso buono del termine, non essendo affatto una metropoli ed avendo, fortunatamente a mio giudizio, un grande attaccamento alle proprie tradizioni popolari; “migliorabile” come lo è ogni cosa ed ogni città, difatti un vecchio detto recitava:”Nessuno  è perfetto”; “luminosa” perchè le sue strade sono, per lo più, larghe quanto basta perchè il sole, nel suo quotidiano tragitto, riesca quasi sempre ad infiltrarsi tra gli edifici; “aperta” perchè, nonostante le tante tradizioni popolari che conserva, anche architettonicamente è al passo con il mondo e non disdegna accostare, con le dovute cautele, moderno a quel poco di storia che conserva.

Ho aggiunto “inconsapevole“, e non è stato un errore di battitura, perchè Terni, sempre a mio modesto parere, rimane inconsapevole, da parte delle istituzioni, oltre che imprenditorialmente, delle immense potenzialità che annovera nelle carte che la storia le ha servito, tanto che spesso mi trovo a dire: “se un romagnolo potesse gestire quel che Terni offre, avrebbe cancellato la disoccupazione e dato lavoro anche a qualche altra città intera”.

Infine, è “semplice”, perchè vivere nella piccola Terni, in fondo è semplice, sicuramente qualche anno fa era ancora più tranquillo, ma paragonandola a tantissime altre realtà italiane e non solo, rimane una città a misura d’uomo.

Al termine di tutto questo sproloquio, c’è una discreta e minimale descrizione della mia piccola grande città, anche se le parole sono “uno splendido strumento”, come ho detto in apertura, ma c’è sempre il detto di cui sopra… ” un immagine dice più di mille parole”… allora, sapete cosa facciamo? Vi regalo anche qualche mia immagine della Terni che adoro… Vi piacerà? Fatemelo sapere e siate buoni.

 


Massimo Santafè

Adoro sognare... cerco di vivere la mia vita sognando... tento di fare della mia vita un bel sogno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cookie Policy - Privacy Policy - Disclaimer

iTerni.it
Cod. Fiscale: SNTMSM73B27H501E

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.