Ternana… ripartiamo da qui!

Ho respirato profondamente, mercoledì scorso, prima di scegliere di non uscire col il mio “articolo post-partita“, tanta era la rabbia e la perplessità che montava nella mia testa.

Oggettivamente ci sono state, contro il Cosenza, scelte ed atteggiamenti criticabili, ma guardando e riguardando gli highlights, mi sono accorto che c’è poco da aggiungere alla pura delusione per il risultato, perché ambedue le squadre hanno creato gioco ed ha vinto la più fortunata.

Questa teoria è stata avvalorata ieri pomeriggio, durante una partita, a mio avviso, dominata dalla Ternana di Mr. Lucarelli e, nonostante questo, vinta da un Como che non meritava questo risultato.

Contro il Cosenza sono convinto che il risultato più onesto sarebbe stato un pareggio, ma tutti sanno che la palla è rotonda e che la Serie B è un campionato difficilissimo, pertanto non c’è altro da fare che accettare la sconfitta, certi che la squadra saprà trarne insegnamento.

Riguardo la partita col Como, penso che il rigore sia stato decisivo per il risultato finale del match, perché subire un gol a pochi istanti dall’inizio dell’incontro, avrebbe destabilizzato enormemente la mentalità dei nostri avversari; d’altro canto, l’ennesimo calcio piazzato sbagliato da Donnarumma credo abbia minato notevolmente la sicurezza del giocatore rosso-verde, rispetto alle proprie potenzialità.

Credo ci sia bisogno di: più cinismo, di voglia di riscatto e di grande consapevolezza nelle proprie capacità; questo non significa sottovalutare gli avversari che incontreremo, bensì dovremo esser coscienti che, dando il 110%, nessuno saprebbe tenere il nostro passo e tantomeno potrebbe contenerci.

Mr. Lucarelli ha detto che si aspettava una contestazione ricca di insulti e male parole, ma la tifoseria delle curve ternane è fatta di gente che conosce e capisce il calcio, che ama visceralmente la Ternana e che sa quando dare “una carezza” e quando usare “la mano pesante”.

Voglio concludere dicendo che il Campionato è lungo e che abbiamo una squadra fatta di grandi giocatori, di grandi uomini e che, in testa, c’è un grande allenatore, capace di farci sognare quest’anno, così come ha fatto nella stagione passata… quindi Forza Fere e testa dentro il carro armato!


Massimo Santafè

Adoro sognare... cerco di vivere la mia vita sognando... tento di fare della mia vita un bel sogno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cookie Policy - Privacy Policy - Disclaimer

iTerni.it
Cod. Fiscale: SNTMSM73B27H501E

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.