Carsulae (foto di: Associazione Geologica Chianciano Terme)

Tra Terni e San Gemini, il museo ternano a cielo aperto si chiama Carsulae.

Nella Manchester italiana, antiche rovine romane.

Carsulae (foto di: Associazione Geologica Chianciano Terme)
Carsulae (foto di: Associazione Geologica Chianciano Terme)

Quando ero adolescente, una delle mete per trascorrere ore di svago con gli amici, senza allontanarsi troppo da Terni, era Carsulae.

In realtà era meta di “gite domenicali fuori porta” per famiglie, luogo ambitissimo per vedere le “stelle cadenti” nella notte di San Lorenzo e punto di ritrovo, a ridosso dell’estate, per chi, come direbbero i toscani, “bigiava la scuola”.

Le ore trascorse tra alberi, prati e rovine, seduti in circolo tra gli amici, con un pacchetto di sigarette ed una chitarra, cantando e stonando canzoni, sono tra i ricordi più belli che serbo nella mia mente e, come me, siamo in tanti ad avere ricordi analoghi… ok… c’era anche qualche birretta, ma erano pochissime!

Probabilmente nessuno di noi vedeva, in quei luoghi, tutta la storia che vi era passata e non percepivamo che, quelle pietre che spuntavano dal terreno e che sapevamo esser state case, chiese ed anfitratri, erano state, non un semplice accenno di storia, ma una vera e propria città.

Carsulae (foto di: Touring Club Italiano)
Carsulae (foto di: Touring Club Italiano)

Tra Interamna Nahars (Terni) e Casventum (San Gemini) sorgeva, lungo la via Flaminia, la città di Carsulae; una città definita di epoca romana, anche se, in realtà, registra i primi insediamenti in epoca pre-romana.


regalo per te

A causa di smottamenti del terreno di rilevante entità, tanto che buona parte della città giace ancora sotto metri di terra, Carsulae fu abbandonata dai suoi abitanti e rimase in balia degli eventi per secoli, fino a quando non fu scoperta e dal 1829, in più ondate, riportata parzialmente alla luce da scavi archeologici.

Arco di San Damiano (ingresso settentrionale della Via Flaminia)
Arco di San Damiano (ingresso settentrionale della Via Flaminia)

La costruzione della via Flaminia, a cura del Console Caio Flaminio, portò ad una notevole crescita della città di Carsulae, grazie anche all’immigrazione delle popolazioni montane limitrofe e la sua vita attraversò il periodo della Repubblica Romana e quello dell’Impero Romano, ma il declino del ramo occidentale della Flaminia, a vantaggio del ramo orientale, determinò il suo declino.

I tentativi di conquista delle popolazioni barbariche non favorirono la sua stabilità, ma fu un sisma a determinarne l’abbandono, in età medioevale.

Oggi è, giustamente, un museo a cielo aperto, probabilmente da migliorare, ma già gestito egregiamente, dove, oltre alle ovvie visite, si può assistere a concerti che, grazie anche allo splendido scenario, uniscono la poesia della musica alla magia del richiamo della storia.

Yumal a Carsulae con Durga McBrooks (foto di: Stefania Listanti da Umbria24)
Yumal a Carsulae con Durga McBrooks (foto di: Stefania Listanti da Umbria24)

Massimo Santafè

Adoro sognare... cerco di vivere la mia vita sognando... tento di fare della mia vita un bel sogno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cookie Policy - Privacy Policy - Disclaimer

iTerni.it
Cod. Fiscale: SNTMSM73B27H501E

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.